domenica 22 febbraio 2009

Brutta aria tira in Italia...

Brutta aria tira in Italia. 
La legge che istituzionalizza le ronde, le milizie, segna uno dei punti più bassi dell'operato dello stato. L'esistenza legale delle milizie non è altro che l'imprimatur alla privatizzazione della violenza. E alla sua legalizzazione.
All'inizio degli anni '30 la Germania hitleriana fu teatro di atti di estrema violenza razzista nei confronti degli ebrei. Ma, quando nel 1935 vennero varate le prime leggi di Norimberga, il razzismo da pratica fu assunto a norma giuridica. Ci si spostò dal piano spontaneo al piano programmato. L'Olocausto nasce con le leggi di Norimberga. 
Che delle ronde esistessero anche prima di questa legge è fatto deplorevole e condannabile. Ma che tali ronde vengano istituzionalizzate rappresenta un innegabile salto di qualità verso la perdità di stato, e verso il venir meno ad una delle sue prerogativz primigenie, ovvero quella del monopolio della violenza.
E poi diciamocelo. Chi mai potrà aver voglia di partecipare a queste ronde? Come si costituiranno le milizie? Quale cittadino dotato di un minimo di sale in zucca vorrà uscire la sera assieme a dei balordi per dare la caccia ad ipotetici vandali e criminali?
Le milizie saranno per forza costituite da giustizieri della notte imbevuti di telefilm di serie B, da cani di paglia in cerca di riscatto, da rambi usciti dalle palestre delle periferie, da pensionati delle forze armate con la nostalgia della fondina. Chi saranno gli hez'bollah di casa nostra? I Mai Mai del nostro quartiere?
Come ci si potrà difendere? 
Le strade diventeranno estremamente pericolose.
I più ricchi assumeranno bodyguard a contratto.
I più poveri se ne staranno chiusi in casa. 
Pian piano, senza colpo ferire, il paese assomiglierà sempre di più a una repubblica bananiera del centramerica.
Pian piano il fascismo sfonderà la porta di casa nostra. 



10 commenti:

Angela ha detto...

Sì è già appollaiato sullo zerbino delle nostre porte e si pulisce le zampe pelose: purtroppo non dovrà sfondare per entrare. Ogni giorno cambia aspetto.
Si è mutato in forma gassosa: entra in silenzio, uccide in silenzio.

Chiara Milanesi ha detto...

@ Angela: FOG!

sileno ha detto...

La Libertà è uno dei beni più preziosi dell'Uomo e la stiamo barattando, anzi l'abbiamo già barattata in cambio di qualche spot in più.
Il mostro non si stà pulendo le zampe sullo zerbino, ma sta alzando la zampa per un'operazione che compiono i cani per segnare il loro territorio
Sileno

Luposelvatico ha detto...

Mah, alla fine anch'io - inguaribile pessimista - un paio di cose buone ce le vedo, in queste stupide ronde:
- per qualche ora la settimana levano gli imbecilli dalla visione della TV, e questo non può far male neppure a loro;
- se invece di passeggiare per il centro costoro si infilano nei guai, magari disturbando lo spaccio o occupando lo spazio vitale delle gang peruviane, magari dopo una bella ripassata si convincono che la gestione del territorio è qualcosa di più complesso del "menare due barboni", e se ne tornano a casa mogi mogi a pensare che in fatto di violenza c'è sempre qualcuno che ne sa e ne pratica più di te...il che potrebbe essere educativo.

Chiara Milanesi ha detto...

@lupo: quanto al 1° punto: temo che la tele spazzatura la interpreteranno de vivo
quanto al 2° punto: da questo punto di vista la cosa non l'avevo percepita...a che punto sono arrivata se devo tifare per le gang peruviane?????

@sileno: mostro lo è, e la pisciata sarà oceanica e tossica

silvio di giorgio ha detto...

spero che non accada, ma la politica farà un passo indietro sulle ronde quando ci scapperà il morto. non a caso alcuni "volontari" delle ronde tempo fa sono stati intercettati mentre al poligono di tiro (non in una sala bingo, ma in un poligono di tiro) fantasticavano su quello che avrebbero fatto a rumeni, albanesi ecc. incontrati di notte durante le loro passeggiate di sorveglianza

l'incarcerato ha detto...

Si, tira una brutta aria. Le ronde in camicia verde ricordano dei brutti tempi che non dovremmo più ripetere.

E spero che abbai ragione Silvio, che la politica faccia un passo indietro prima che ci scappi il primo morto. Quella gente è composta da ex poliziotti esaltati!

Luposelvatico ha detto...

@silvio: che in questo clima crescente di violenza ci scappi prima o poi un morto "accidentale" è un rischio da non sottovalutare; ma se capitasse, io temo proprio che questi farebbero "un passo avanti" sulla strada del fascismo, non un passo indietro...

silvio di giorgio ha detto...

luposelvatico
dipende da dove arriverà il morto. se il morto sarà un volontario delle ronde ti dò ragione, ma se il morto sarà provocato dalle ronde(cosa assai più probabile)la politica non potrà più fare finta di nulla. almeno spero...

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Concordo col tono pessimistico del post: introdurre per legge le ronde è un tremendo passo in avanti verso lo smantellamneto dello stato di diritto.
Se ci scappasse il morto, credo che le cose andrebbero perfino peggio: magari si sentirebbero in dovere di farle diventare armate. No, non c'è nulla di buono in queste ronde, diverranno uno strumento di prevaricazioni di ogni tipo, dell'esercizio di una violenza più o meno gratuita. Se avviene un incidente, come pensate che sarà possibile ricostruire la verità dei fatti? E' evidente che i rondisti s'inventeranno una loro comoda verità, testimoniando l'uno in favore dell'altro.