martedì 23 giugno 2009

Pensiero notturno


La notte non porta consiglio, ma incubi.
L'avevo respinta per anni la decisione di prendere la nazionalità francese.
Ma stanotte, una notte di mistral a 140km/h, una notte di quelle che ti fa pensare di essere nella casa degli Usher, tra lo scricchiolio inquietante delle tegole sul tetto, e le lo scuro di una finestra che sbatte poco lontano, ho avuto una visione: Tiberio imbellettato, ruga profonda, occhiaia sfumata nel maquillage, circondato affettuosamente da decine di giovani donne, molte slave, alcune pure nostrane, tacchi a spillo e bocche a cuore, schermo gigante sullo sfondo che sforna diaporama di success story casalinghe, cinguettii di papi e coretti di menomale che Sivio c'è, e ancora immagini e lui che danza stretto con l'una o l'altra fa lo stesso, e schitarrate napoletane e camerieri silenziosi e manciate di gioiellini da reparto bigiotteria dell'Upim e buste che scivolano nelle giarrettiere e dolcezza, tanta dolcezza, e viaggi e miraggi, e stanchezza e alberghi, e macchine dai vetri oscurati e autisti compiacenti e servi, servi, tanti servi pagati per amare il capo, per coccolare il capo, per scaccolare il capo, per colmare il capo di attenzioni, di riguardo e ancora di amore e di consigli e di raccomandazioni e di permessi edilizi e di candidature e di meteorine....
e un paese la cui lingua crea accoglie integra accetta vocaboli come quello di meteorina non mi merita, penso, ma ancora non ho preso la decisione ed esito...
... e poi arriva la ciliegina sulla torta e me la fornisce cocker Bondi che con vocina fessa e tremolante si scaglia contro il nuovo terrorismo, il vero nemico della democrazia, incarnato nel giornale che di nome fa la repubblica che già rischia di essere un concetto troppo rivoluzionario quello di res pubblica che il paese un'impresa privata dovrebbe essere e tutti come me ad amare leccare coccolare scaccolare il capo...
è il bondipensiero, in fondo, che dopo vent'anni mi fa decidere...una decisione probabilmente irrevocabile: domani inizio le pratiche per prenderla la cittadinanza francese. Penso proprio di sì. Penso.
Pensiero notturno.

26 commenti:

Rouge ha detto...

Ti chiameremo Chiarà Milanesì allora.

il cuoco ha detto...

Che dirti ? Una vera italiana in meno...

Chiara Milanesi ha detto...

@Rouge: per quello non ci vuole la nazionalità...in effetti, il tuo potrebbe costituire un argomento a sfavore...
@Cuoco: mmmm...vera italiana???? ...mmmm....

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Allora, buon esilio :-D

Stefi ha detto...

Ciao Chiara,
prendere la nazionalità francese esclude di mantenere quella italiana?? O è l'italia che, bacchettona moralista, richiede la monogamica nazionalità?
Cmq intanto che tu decidi, per favore inizia a trovarci spazi dove poter trovare asilo.... che mi sa che verremo tutti da te fra non molto...
besos
Stefi
ps ci sei mancata!!!

sileno ha detto...

E un pensiero a coloro che restano qua in trincea lo dedichi?
Ciao

sinedie ha detto...

Ma perchè cercare motivazioni di questo tipo scusa, vuoi la nazionalità francese perchè non ti sei mai sentita italiana e sei , a parer mio, una snob. Cosa c'entra Berlusconi e i neologismi dell'ultima ora. L'Italia per fortuna non è solo Berlusconi e la Francia non è solo Sarkosy e sua moglie Carla Bruni; sono profondamente deluso, pensavo che tu avessi una misura ed una coerenza che invece ti manca, non so come farai d'ora in poi a dar lezioni di civiltà e democrazia se cerchi scuse tanto banali e crudeli per una decisione tanto facile per te e tanto offensiva per una nazione che non ti appartiene nel cuore. In questo, devo dirti, non sei molto francese; i francesi sono molto diversi, per loro cambierai atteggiamento? Contenta tu, ma vedo che sei in buona compagnia.

Chiara Milanesi ha detto...

@Vincenzo: l'esilio ormai dura già da più di vent'anni
@Stefi: in effetti sì, se prendi la nazionalità francese perdi quella italiana..e ma tu che chiedi? l'asilo è implicito e allargato...
@Sileno: e come no!

Chiara Milanesi ha detto...

@Sinedie: Sarkozy, con la zeta...

Sesamo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

peccato...
avevo cominciato a leggerti affascinato dai tuoi viaggi, ma purtroppo approfondendo quello che viene fuori dai tuoi vari commenti
rimango profondamente deluso e concordo con quanto ti scrive Sinedie. (Sarkozy.. con la z... grazie prof!!) questo era veramente importante..
mi scuso per l'anonimato ma non sono un blogghista..
Peccato...peccato davvero
Paolo

Angela ha detto...

chiara, sei libera di scegliere la tua strada e ti rispetto profondamente per questo...anch'io, nell'ora della disperazione dico a me stessa: vincerà ancora e me ne andrò. Molti cittadini del mondo,es. turchi, irakeni, iraniani, hanno preso la cittadinanza americana o inglese per ragioni politiche, dunque motivata anche la tua.
Io resto, perchè l'Italia è fatta anche di gente straordinaria.
Ricordo sempre il passo biblico dell'intenzione di Dio di distruggere Sodoma ma con l'insistenzza e le preghiere di Abramo resistette fino all'ultimo pronunciando questa meravigliosa sentenza: se troverai anche un solo uomo giusto, non la distruggerò!
Fino a che in Italia ci sarà gente capace di scandalizzarsi della politica del Re malato, della Lega cattiva e violenta, delle andranghete e della corruzione latente dell'ordinario quanto mediocre cittadino italiano, avrò ragione nel resistere.
Fino all'ultima goccia...

Angela ha detto...

E comunque io ti vorrò sempre bene che tu ti faccia francese, araba, cosmopolita...

sinedie ha detto...

@CHIARA- la z non cambia il senso del mio commento e tu lo sai bene. Avrei voglia di dirti che, vista la risposta che dai al mio commento, non ho più alcuna voglia di frequentare questo blog ma esso ha per me un valore propedeutico. Assomma in modo esemplare tutto quello che fondamentalmente mi irrita nel panorama intellettuale italiano; è la quintessenza della sinistra autoreferente e spocchiosa che non mai potuto sopportare. Leggerti e leggere alcuni dei tuoi commentatori mi serve per avere il "polso della situazione" o forse anche per soddisfare il mio celato masochismo? Chissà.

Anonimo ha detto...

Tutto ben scritto e ben detto, come sempre. Il primo impulso è stato di dire semplicemente:"Fai bene, anzi ti invidio". Ma io, che mi sento cittadina del mondo e non vorrei scegliere nessuna nazionalità in modo definitivo, continuo a sentirmi le radici storiche e culturali qui, e mi dispiace, in fondo, che non sia più così per te. Ma ti capisco benissimo. E poi che cos'è una nazionalità? Solo un pezzo di carta. Se poi ne derivassi anche dei vantaggi fiscali (ma so che non è questo per te il problema), ancora meglio. Questo paese non merita i nostri soldi, per buttarli via come fa.Trasversalmente, da casta.
baci
Pat

Chiara Milanesi ha detto...

@Sinedie: sono davvero contenta che il mio blog serva a qualcuno. In questo caso a te. Che tu mi legga per trovare conferma alle cose di cui sei convinto, è meglio del Prozac. Che tu mi legga per masochismo malcelato, è ancora meglio: non ti fai tanto male, in fondo. E magari, sotto sotto, impari anche qualcosa. Il che è un altro risultato non trascurabile. Che sia la corretta ortografia delle parole, l'uso dei congiuntivi, o le malefatte dell'esercito italiano nelle colonie...
Continua così. E grazie. Davvero.

sinedie ha detto...

@CHIARA- vedi io sono convinto che c'è sempre da imparare anche dall'indigesta supponenza che tu elargisci a piene mani. Posso pensare che tu non sia in grado di fare altrettanto? Leggendo il tono delle tue risposte credo di sì. Mi spiace per te Prof.

Artemisia ha detto...

Sono d'accordo con Pat: io la prenderei la cittadinanza francese.

Anonimo ha detto...

.

Anonimo ha detto...

Perche non:)

Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)

Anonimo ha detto...

La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu

Anonimo ha detto...

Si, probabilmente lo e

Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie

Anonimo ha detto...

Si, probabilmente lo e

Anonimo ha detto...

good start