venerdì 11 dicembre 2009

Vergogna!


Il Corona si vergogna di essere italiano.
I giornali pubblicano impietosamente di lui una fotografia che la dice lunga sul personaggio.
Il Corona si vede come lo vedo io?
Davvero mi piacerebbe saperlo.
Io vedo un prototipo uscito da un fotoromanzo degli anni 60, riattualizzato dal tubo catodico.
La posizione plastica del Cristo in croce, braccia allungate lungo la spalliera del banco degli imputati, è contraddetta dallo sguardo da coatto che rivolge verosimilmente ai giudici che lo hanno condannato.
Il resto è in linea.
Camicia immacolata aperta su petto semivilloso. Regolare catena d'oro. Regolare tatuaggio. Giacchino striminzito trattenuto a stento da un bottone di quelli che vorrei avere io. Un bottone Uhu, quadruplo filo, a prova trazione. Al polsino pataccone d'oro. Fazzolettino bianco nel taschino.
Capelli rasati con quelle che appaiono essere due cicatrici ma forse sono un vezzo alla moda similpunk. Barba rigorosamente rasata con rasoio Micky Rourke durante le riprese di 9 settimane e mezzo. Orecchinino d'oro all'orecchio sinistro.
Il nostro Corona si è sbagliato e ha fastidiosamente infilato l'ingresso del tribunale invece di quello della discoteca che lo vede re. O forse alla fine dell'udienza non aveva il tempo di andarsi a cambiare.
Lui si vergogna. Non capisce che chiedere soldi per non pubblicare delle foto costituisce un ricatto. Il testone, proprio non lo capisce.
E conclude, vergognandosi di essere italiano.
L'Italia pian piano si guadagnerà il primato di paese col maggior numero di cittadini che si vergognano.
Ognuno, anch'io, si vergogna di qualcosa.
Non delle stesse cose. Ma siamo in molti a vergognarci.
E, temo, continueremo a vergognarci ancora a lungo. Ancora di più.
Assieme, nonostante tutto, al tenebroso e caravaggesco Fabrizio.


6 commenti:

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Bellissimo, post direi ispirato :)

Ernest ha detto...

uno dei tanti improponibili personaggi di questa mediocrazia
un saluto

guglielmo ha detto...

Ora anche un ladro di galline può contestare i giudici, è legittimato a farlo da chi (ai vertici dello stato) un giorno si ed uno si spande merda su terzo potere dello stato. [Poi, detto tra noi, si deve eliminare una pretora enorme, inutile, dannosa, costosa di avvocati azzeccagarbugli e semplificare drasticamente il giudizio e introdurre alternative alla pena detentiva. E questo non è compito dei giudici, sicuramente].

Alessandro Tauro ha detto...

Sottoscrivo il commento di Vincenzo: post super-ispirato! Bellissimo davvero...

Anonimo ha detto...

sono io che, da italiana, mi vergogno di lui. e con me sono in tanti.
pat

Anonimo ha detto...

è talmente cretino che, come dici tu, non ha neppure capito (e lo si evince dalle sue dichiarazioni in TV a caldo "perchè allora non condannano tutte le agenzie?") che il reato è il ricatto, non le fotografie in quanto tali.
pat